Discografia

 

____________

Titolo: 1

Anno: 1992

Supporto: CD, MC

Casa editrice: Città nuova

 

01 Al centro del presente

Testo: C. Casucci - V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Al centro del presente

Oh oh oh...
vivi il momento che va
cogli l'attimo adesso
eh eh eh.

Lui va a scuola ma non sa perché
butta i giorni nella noia
vive dentro una fotografia
inseguendo un sogno fragile
lui non ha tempo per nessuno
sta viaggiando nel futuro.

Oh oh oh ...

Lei ripensa ai passi che non ha
sta vangando nel passato
ha negli occhi un che di arido
se potesse cambierebbe tutto di sé
ma ormai l'acqua che è passata
non fa più girar la ruota.

Oh oh oh ...

Al centro di questo presente
scorre l'eterno nelle cose
e se in quest'attimo tu ami
incontri Dio nella tua vita.

Oh oh oh ...
 

02 Noi

Testo: C. Casucci - V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Noi

Noi, con il futuro in mano,
noi, e la storia di fronte.
Noi, che ce la faremo,
noi: è la sfida più grande!

Chi non vorrebbe giocare la vita sua
per un ideale infinito?
Chi si tirerà indietro, chi lo farà
di fronte al sogno dell'uomo?

Noi, con il futuro in mano,
noi, e la storia di fronte.
Noi, che ce la faremo,
noi: è la sfida più grande!

E' l'unità
la forza che può cambiare
il corso dei secoli;
è l'unità
la scintilla che può piegare
la storia degli uomini.

Noi, mano nella mano,
noi, e la storia di fronte.
Noi, che ce la faremo,
e ancora noi: è la sfida più grande!

Chi non vorrebbe giocare...

E' l'unità  …

Immagina
di svegliarti un mattino
e guardarti attorno:
come sarebbe il mondo
se gli uomini uniti vivessero già!

Noi!

03 Cerco la tua voce

Testo: C. Casucci - V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Cerco la tua voce

Dove sei
perché non rispondi
vieni qui
dove ti nascondi?
Ho bisogno della tua presenza
è l’anima che cerca te.
Spirito
che dai vita al mondo
cuore che
batte nel profondo
lava via le macchie della terra
e coprila di libertà.

Soffia vento che
hai la forza di cambiare
fuori e dentro me
questo mondo che ora gira
che ora gira attorno a te.
Soffia proprio qui
fra le case
nelle strade della mia città
tu ci spingi verso un punto
che rappresenta il senso del tempo
il tempo dell’unità.

Rialzami
e cura le ferite
riempimi
queste mani vuote
sono così spesso senza meta
e senza te cosa farei?
Spirito
oceano di luce
parlami
cerco la tua voce
traccia a fili d’oro la mia storia
e intessila d’eternità.

Soffia vento ...

04 Vorrei

Testo: V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Vorrei

Io vorrei sentire sulla mia pelle i problemi tuoi
io vorrei portare sulle mie spalle i pesi tuoi
vorrei abbracciare il tuo orizzonte
vedere il mondo con gli occhi tuoi.

Io vorrei provare dentro l'angoscia che provi in te
io vorrei sentire miei fino in fondo i tuoi perché
vorrei non pensare a soluzioni
o a mie opinioni se parli tu.

Io vorrei essere uno con i tuoi pensieri
io vorrei essere uno coi tuoi desideri.

Io vorrei, io vorrei
essere uno col tuo pianto
uno col tuo canto
sì, vorrei... vorrei...
perché nella mia vita
prima di me ho messo te.

Io vorrei sentirmi senza respiro se non l'hai tu
io vorrei sentirmi male se non hai forze tu
vorrei ancorarti alla mia mano
se perde quota la vita tua.

Io vorrei sentirmi senza una casa se non l'hai tu
io vorrei sentirmi un esiliato se lo sei tu
vorrei poterti dare il mio lavoro
se non riesci a trovarlo tu.

Io vorrei essere uno con le tue amarezze
io vorrei essere uno con le tue certezze.

Io vorrei, io vorrei
esserti uno nella noia
uno nella gioia
sì, vorrei... vorrei...
perché nella mia vita
prima di me ho messo te.

05 Davide e Golia

Testo: V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Davide e Golia

Dopo il '68 e gli anni di piombo poi
sembrava che restasse il vuoto dietro a noi:
discoteca e fast-food, ore dietro alla TV,
l'auto, una fumata e quattro amici al bar.

Ma chi non ti ricorda ragazzo, che vivi all’Est
che fermi i carrarmati e non si sa chi sei
Forse non pensavi che ti giocavi la vita
ma diventavi un segno
della libertà

Solo restavi lí,
tu ragazzo del nostro tempo,
restavi lí, tu da solo a fermare
una follia: Davide e Golia.

Vincenzo che ora studi
fra i banchi del liceo,
tu che gridi forte
sfilando in un corteo

perché non vorresti più
sangue nelle vie del sud,
spezzi la paura
e il muro di omertà.

Se un giorno ti mancasse
la forza di lottare,
ti mettono alle corde,
vorresti abbandonare,

guarda ora attorno a te,
tu da solo non sarai
stringi i denti
e la tua sfida vincerai.

Se vuoi diventerai
tu l'artefice di un mondo
senza falsità,
contro la piovra dell'ipocrisia.

E tu solo non sarai
perché sono milioni ormai
a lottare con te
contro i carri di ogni ipocrisia:
Davide, Davide e Golia.

06 Immagini

Testo:V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Immagini

Immagini
davanti ai nostri occhi in dissolvenza
immagini
cortometraggi di sequenze solo amare
immagini
di un dramma antico ancora troppo vivo
nell'era del 2000.

Tentacoli
mani che affogano città nella paura
tentacoli
ruggiti di armi che impongono il silenzio
tentacoli
supremazie nelle spirali d'odio
e controlli di quartiere.

Ma tu che vedi
quest'ingranaggio che non gira più
ripeti ancora a noi
"Amatevi, amatevi come ho amato voi."

Metropoli
vivai immensi dell'America Latina
metropoli
di grattacieli-cattedrali al dio consumo
metropoli
vivai umani coronati
con baracche di lamiera.

Ma Tu che vedi
quest'ingranaggio che non gira più
ripeti ancora a noi
"Amatevi, amatevi."
Tu ricomponi
un puzzle scombinato che non va
sei l'unico che può ripetere
"Amatevi, amatevi come ho amato voi."

Immagini
davanti ai nostri occhi in dissolvenza
immagini
progetti di un'economia di comunione
immagini
di città costruite dall'amore
e... "Amatevi, amatevi come ho amato voi."

07 Ancora una volta

Testo: C. Casucci - V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Ancora una volta

Rotola quella monetina
sul tappeto verde
gira la fortuna,
gira il mondo in una mano.
C’è troppa pubblicità
per animali raffinati,
c’è troppa inutilità
e bisogni mai saziati.
C’è troppa gente
che si spezza la schiena
per un pugno di riso,
per un pugno di miseria.

La bilancia è tutta
squilibrata verso Nord,
siamo tutti uguali
ma qualcuno un po’ più “uguale” c’è!

Ancora una volta
un mondo sta bussando alla mia porta
ha rughe di sudore attorno agli occhi.
Ancora una volta
un mondo sta bussando alla mia porta
ha rughe di sudore attorno agli occhi
e regge figli stanchi sui ginocchi.

Migrano come le rondini d’autunno
grandi masse di gente
inseguendo l’illusione.
La popolazione aumenta
è un’iperbole che sale,
una continua sfida
all’Occidente nucleare.
Dormono sopra i cartoni
lungo i marciapiedi
lì davanti alla festa
extasy del sabato sera.

Lentamente andiamo
verso la mondialità
presto un mondo unito
sarà una necessità.

Ancora una volta...

08 Cronaca bianca

Testo: C. Casucci - V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Cronaca bianca

Non voglio più vedere
macchiarsi di sangue le frontiere,
non voglio più sentire
che dalla droga non si può più uscire.
Non voglio più sapere solo la cronaca nera
e quanta gente come me lo spera!

A volte le città
son campi di battaglia
che la violenza infiamma
come fuoco nella paglia.
Non si può stare a guardare la pelle ed il suo colore
perché ogni uomo aspetta un po' d'amore,
perché ogni uomo aspetta un po' d'amore.

E presto si farà,
fuori ci aspetta già il futuro;
e presto si farà
credere nell'uomo è un colpo sicuro!
E presto, presto sia
cerchiamo insieme un'altra via;
e presto, presto sia
la vita è una grande sinfonia.

Fa spesso più rumore
il tonfo di un albero che cade
che una foresta intera
che cresce in silenzio e non si vede.
Il bene non fa notizia non fa rumore, davvero,
ma sulle spalle porta il mondo intero.

C'è da guardarsi attorno
e vedere che molto si può fare,
a volte basta poco:
ognuno di noi può cominciare.
Scriveremo giornali solo con "cronaca bianca"
ed il coraggio proprio non ci manca
ed il coraggio certo non ci manca!

E festa si farà
fuori ci aspetta già il futuro;
e festa si farà
credere nell'uomo è un colpo sicuro!
E festa, festa sia
cerchiamo insieme un'altra via;
e festa, festa sia
la vita è una grande sinfonia.

09 Sognando

Testo:V. Ciprì
Musica: B. Enderle

Sognando

Sognando ad occhi aperti
vedevi un orizzonte misterioso
oltre quel muro verde,
oltre quel fiume silenzioso.
Il cuore tuo spaziava
oltre il riflesso delle sponde blu,
seguiva un richiamo
che allora non comprendevi tu.

Nell'etere una mano
portava la tua vita su alte cime,
verso terre lontane,
verso una storia senza fine.
Così la tua avventura
volava oltre la tua fantasia;
viaggiavi sul crinale di luce
che intrecciava la tua vita.

Come un fiore raro
qualcuno ti ha raccolto
e verso un orizzonte immenso ti porterà.
Fiore che morendo
in stella viva si trasformerà:
viva come il sole,
stella come il sole sarà.

Sognando ad occhi aperti
quell'orizzonte non è più lontano,
lo sguardo tuo si perde
nel cielo che ti porge la sua mano.
La storia tua continua
solcando le onde dell'eternità
seguendo quel richiamo
che nelle note sue ti porterà.

Come un fiore raro
… 

 

10 Guardano lontano

Testo: C. Casucci - V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Guardano lontano

Sono gesti ispirati
trasparenti colori:
c'è un pittore invisibile
che dipinge un nuovo mondo che
prende forma già davanti a noi;
la sua tela è la terra,
la cornice il cielo blu.

Sono note di musica
nuovi suoni un po' magici:
un musicista invisibile
sta orchestrando una canzone che
si fa strada proprio grazie a lui;
toccherà nuove corde che
suoneranno dentro noi.

Uomini,
uomini d'oggi che guardano lontano.
Uomini,
presi da un vento e portati nella mano.

E' un disegno insondabile
che dà un senso di vertigine:
chi di noi è ripetibile?
Siamo tutti strumenti che
lascian chiaro un segno dietro sé;
siamo fatti per vivere
per un'unica realtà.

Uomini ...

11 Oltre l'invisibile

Testo: C. Casucci - V. Ciprì
Musica: G. Balduzzi - B. Enderle

Oltre l'invisibile

Quando la vita non ha dignità
e un grido sordo mi sale da qui
quando è scura la città
piove fuori e dentro me
oltre il buio chissà cosa c'è.

Quando la vita mi appare bugia
non ha più senso lottare così
con il cuore stretto in sé
tutto è come malattia
in fondo al nero uscita non c'è.

Eppure nella notte
vedo più lontano
le stelle e le galassie
l'invisibile
eppure il tuo silenzio parla
mi racconta te
ed io non ho parole
ma ti cercherò.

Forse mi resta una debole voce
forse un pensiero una piccola luce
e ho imparato che ci sei
dietro l'ombra che mi fa
tremare se più certezze non ho.

Eppure nella notte ...

Oltre la notte
oltre l'invisibile
c'è un abisso di energia
l'infinito che ci fa volare
oltre la notte
oltre l'invisibile
c'è un abisso di energia
quella forza che ci fa restare. (bis)

Stare adesso qui.

Iscriviti alla nostra Newsletter
Please wait

Questo sito usa i cookie per garantire una migliore qualità del servizio agli utenti. Continuando la navigazione, si considera implicitamente accettato il loro utilizzo.