Discography

 

 

Titolo: Streetlight

Anno: 2000

Supporto: 2x CD

Casa editrice: Città nuova

 

1_01 Streetlight

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

 Streetlight

Streetlight

Esco nella strada mescolato fra la gente
sento il respiro della mia città.
Entro nello smog che sta  in sosta permanente
ma c'è una magia questa sera.

Streetlight

Batte sopra i tetti una pioggia impertinente
e accende un mondo di virtualità;
vola un mozzicone da un balcone fatiscente:
sembra un faro nella notte nera.

Streetlight

Anche se la folla striscia accanto indifferente:
questa è la mia gente, è la mia città.
Tra i filari di lampioni a luce intermittente
c'è una luce nuova questa sera!

Streetlight

 

1_02 Sarà così

Testo: Valerio Ciprì, Valerio Gentile
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

Sarà così

Notte calda, notte dell’estate, quante stelle oggi brillano lassù!
Solcano la notte scie infocate: sembra in festa il cielo visto da quaggiù.
Stelle vive, luminose come non ho visto mai, come non ho visto mai!

Scendi giù!

Mi sembri un gatto che cammina sopra i tetti!
Ma finiscila, dai, di cercar la luna che mai troverai.
Apri gli occhi, fai come me
che non mi perdo fra le nuvole
la mia stella è quaggiù,
sento d’impazzire per lei.

Guardo il grande lago dal pontile
quanti sogni si risvegliano in me!
Seguo una nave all’imbrunire
e la scia che disegna dietro a sé.
E mi chiedo, sì, mi chiedo:
sarà così anche per me,
sarà così anche per me?

Sì, per lei
affronterei il  freddo secco delle steppe.
Per lei mi giocherei tutti gli amici e le notti al bar.
Col sorriso Lisa tu
convinci sempre per il sì o il no.
Ora e per l’eternità
io vorrei restare con te.

Io con lei,  io vorrei restare, vorrei restare per l’eternità.
Io sì, io vorrei lasciare una scia che non si cancella mai.
Sento dentro chi mi dice sarà così, ce la farai.

 

1_03 Due o più

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Giampietro Balduzzi, Benedikt Enderle

 Due o più

Grande guerra, tutto crolla,
una voce, tra la folla
dice: “E’ l’ora di voltare pagina”.
E’ una donna  come tante
ma che crede  veramente
che l'amore tutto vincerà.

E si mette sotto forte per cambiare questa sorte
di un pianeta alla ricerca ormai da secoli.
Prima sola, poi in due
poi un’onda dilagante
e uno slancio che risponde
al grido dell'umanità.

Due o più, con l’amore che  ti nasce dentro,
Due o più e un coraggio che nessuno fermerà.
Due o più, con la voglia di mirare al centro,
Due o più, che ci credono che il mondo cambierà.

Corre l’inondazione
che raggiunge ogni nazione.
E’ una luce che non trova ostacoli.
Passa oltre le barriere
va al di là delle frontiere,
getta ponti verso l’unità.

Non importa dove vai chi tu sei, che cosa fai:
è l’inizio di un nuovo popolo. Apre porte a un’altra era,
e l’amore fa cerniera fra una vecchia e una nuova umanità.

Due o più, con l’amore che  ti nasce dentro,
Due o più e un coraggio che nessuno fermerà.
Due o più. E’ un’onda che va con il vento.
Due o più. E’ l’amore  che avanza fra la gente.
 

 

1_04 La fossa

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Benedikt Enderle

La fossa

E’ la strada,
è la Fossa!
E’ casa mia!
E’ la Fossa:
è senza uscita!
E’ casa mia!
Yeah!

 

1_05 Scendi dentro

Testo: Valerio Ciprì, Valerio Gentile
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

 Scendi dentro

Questione di un attimo un salto nel vuoto!
La piccola scintilla può accendere un gran fuoco
lo sguardo tagliente già vuol dire lotta
un saluto semplice ti apre ogni porta.

Un giro di pagina
un lampo di tempo!
Un solo passo avanti
e voli con il vento
un solo tramonto
riflessi infiniti
una lacrima ti dà
una pioggia di sorrisi.   Do m

Scendi dentro la tua libertà
sciogli i nodi che la legano
scendi dentro in profondità
quest’attimo è una perla stretta fra le dita.

Scendi dentro la tua libertà
sciogli i nodi che la legano
scendi dentro in profondità:
regala un soffio d’aria pura alla tua vita.   Re  Si m Sol Re

Un battito d’occhio un guizzo solare!
Un sorso d’acqua pura può spalancarti il mare
un chicco nel solco distese di grano
una voce sveglierà mille echi da lontano.

Scendi dentro la tua libertà
Vola, in alto, vola dentro la tua libertà, vola.
 

 

1_06 La pagheranno

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Giampietro Balduzzi, Benedikt Enderle

La pagheranno

Fine della tregua:

è già passato il segno,
è ora di svegliarsi,

è ora di pagare il pegno.
Sporchi assassini

vedrai la pagheranno,
pagheranno tutto il male,

tutto il male che fanno.
Da ora, stai sicuro,

non ci sarà pietà,
se la preda scappa

il falco piomberà.
Voglio sentirli chiedere perdono,

voglio vederli

in ginocchio giù dal loro trono.
 

Ehi, Charles ti dico,

se l’hai dimenticato:
questa è la Fossa,

qui la legge siamo noi!
Sei avvisato!

Non c’è via d’uscita,
non possono scappare,
non troveranno un posto
o un buco dove riparare.

Cani arrabbiati
correte a più non posso
presto o tardi sentirete
questi artigli addosso.
Saremo come un lampo,
non c’è chi sfuggirà,
fulmine di fuoco
e fumo si vedrà.

Questa faccenda presto sarà chiusa,
lo promettiamo!
E tu Lisa non sarai delusa.
Ehi, Charles ti dico,
se l’hai dimenticato:
questa è la Fossa,
qui la legge siamo noi!
Sei, avvisato!
 

 

1_07 La grande regia

Testo: Valerio Ciprì, Valerio Gentile
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

La grande regia

Questa vita è
come un tunnel che
presto o tardi si schiarirà.
E’ voragine
e vertigine
alti e bassi e serenità.
Così gira


Questa vita è
una strada che
non sai dove ti porterà.
Ti conduce su
ti riporta giù
frena o prende velocità.
Così gira

Ma quando il tunnel finirà…finirà
ed ogni strada si aprirà…aprirà
in ogni cosa si vedrà
solo amore.

Questa vita è
una luna che
ora è piena, ora a metà;
è cromatica
un po’ pallida
bianca o nera, come gli va.
Così gira

Ma quando il tunnel finirà
ed ogni strada si aprirà
in ogni cosa si vedrà
solo amore.

Ora, è semplice: ogni giorno è
un frammento d’eternità ti tonifica
e amplifica la tua voce in coralità.
Così gira … E’ la vita!

 

1_08 Incompiuta

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Joseph Sopala, Benedikt Enderle

 Incompiuta

Mi manchi, Lisa:
il sole è sceso ormai!
Mi mMi chiedo tante volte:
Dove sei?
E cerco nella mente gli occhi tuoi…
Vado solo per le strade
e sembra impossibile
di non poterti più vedere!
Mi manchi…
Dove sei?

Resta incompiuta
la nostra canzone:
ultima nota che
finisce qui.
E manca un anello
di quella catena:
della vita che insieme
sognavamo per noi.

 

1_09 Hats

Musica:

 

1_10 Sei fatto per amare

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

 Sei fatto per amare

Guarda sotto i tuoi piedi se c’è
c’è acqua di palude
che ti risucchia giù.
Guarda sotto i tuoi occhi se c’è
c’è una fitta nebbia
che non sopporti più.

Guarda sotto il tuo campo se c’è
c’è una pianta secca
che non fiorisce più.
Guarda sotto il tuo cielo se c’è
c’è una stella smorta
che non riscalda più.

Guarda fra le tue strade se c’è
c’è un fiume di gente
che forse aspetta te.
Guarda dentro il tuo cuore se c’è
c’è una voglia di dare
che cresce sempre più.
No, non fermarti qui!
Tu sei fatto per qualcosa di più.

Come l’acqua c’è per dissetare,
come il fuoco è fatto per bruciare,
tu sei fatto per amare.
Come gli occhi sono per vedere
e la bocca è fatta per parlare,
tu sei fatto per amare.
Sei fatto per amare.

Guardati dalle iene perché:
loro fanno la festa
se non sei vivo tu.
Guardati dai pirati perché:
danno in bocca agli squali
se non li vinci tu.
No, non fermarti qui!
Tu sei fatto per qualcosa di più.

Come l’acqua c’è per dissetare

 

1_11 Jungle law

Musica: Benedikt Enderle

 

1_12 Perchè ti amo

Testo: Valerio Gentile, Valerio Ciprì
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

Perchè ti amo

Tra milioni di modi per dirmi: "Ti amo"
Dio, hai scelto per me quello a te più lontano.
Mi hai visto lottare, sperare, soffrire,
hai deciso di vivere qui ... e morire.

Più lontano per te, ma a me più vicino;
uno in tutto con me, con il mio destino.
Non guardi il tuo cielo, il calore del sole
mi cerchi nel buio, mi chiami per nome.

Mi hai visto nel pianto
hai pianto con  me;
nei guai fino al collo:
tu nei guai, come me.
Nell'assurdo il tuo grido: "Perché?"
Primavera che muore con te.

In un vicolo cieco, tu cieco sei lì;
crolla il cielo di schianto, nello schianto sei lì;
la testa che scoppia, il passato che pesa,
una vita mal spesa, ti trovo anche lì.

E' l'amore che unisce amori lontani:
tra due mondi tu muori per dire che mi ami .
Dal seme nel buio la risposta è partita:
un milione di modi per dare la vita.

Mi hai visto nel pianto
hai pianto con  me;
nei guai fino al collo:
tu nei guai, come me.
Nell'assurdo il tuo grido: "Perché?"
Primavera che muore con te.

Mi hai visto nel pianto
hai pianto con  me;
nei guai fino al collo:
tu nei guai, come me.
Nell'assurdo il tuo grido: "Perché?"
Primavera che nasce con te.
Primavera che nasce, rinasce con te.

 

1_13 Le mie mani

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Benedikt Enderle, Juan Martin Etcheverry

Le mie mani

Cosa importa se ho una moto in più,
cosa importa se ho tre “paltò”,
o se nella stanza ho un prezioso “Mirò”.
Cosa importa se ho una “firma” in più,
cosa importa se ho grossi check,
o se al mare e al monte ho un raffinato chalet.

Le mie mani, le tue mani
sono mani, mani vive,
mani per portare a chi non ha.

Cosa importa se ho un nuovo yacht,
cosa importa se ho un'eredità
e se posso andare con la spider per la città.
Sono un cieco che non vede più,
sono un sordo che non sente più
se non so capire quanto hai bisogno tu.

Le mie mani, le tue mani
sono mani, mani vive,
mani per portare a chi non ha.

 

2_01 Henrypiano

Musica:

 

2_02 Ora si va

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

Ora si va

Così, si partirà!
E’ il primo viaggio, non è vero?
Quanta emozione ci dà, volare!
Vedere da lassù
la terra come un grande mare
e navigare nel blu.
Dal cielo, è diverso il mondo;
dal cielo, è un punto questa città.

Anch’io come te
sognavo sempre di volare
quando abitavo nel sud, fra le Ande.
Vedevo il condor che
planava giù dalle alte cime
più fiero di un grande re.
Ed ora, noi andremo insieme
su un grande jet!

Ora si va, è tempo di partire,
pochi giorni e poi
oltre i monti, sopra le nuvole,
più in alto delle aquile.
Pochi giorni, pochi … e poi, poi si partirà.

Io sento che per noi
comincia un’avventura nuova
che dove ci porterà, non si sa!
Conosceremo lì
amici d’ogni età e colore
e gente d’ogni città.
Saremo là da tutto il mondo.
Che mai sarà?

Ora si va

 

2_03 Bang bang

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

Bang bang

Bang, bang!
Fischia il piombo: chi cercherà? Cosa farai?
La palla di fuoco, chi colpirà?
Bang, bang!
Vita o morte? Tu non lo sai! Cosa farai?
La palla ti becca, cosa farai?

Sto tranquillo e per fortuna,
guardo in giro, vedo solo la luna.
Poi all’improvviso “bang”, cado, strillo,
butto quattro lacrime … di coccodrillo.

Vieni qua Goose.

Stringo forte i denti ma non ho paura;
non faccio una mossa, ho la faccia dura.
Poi ci fumo sopra  una sigaretta:
di morire ... non ho proprio fretta.

Bang, bang!


Come un bambino piango, mi stiro.
Sono così! Tiro calci in giro.
Mi butto a terra tutto storto:
faccio finta d’esser morto.

Vieni qua Zack.

Prima cerco il corvo che mi ha fatto male:
gli do un caffè, poi lo spedisco all’ospedale.
Torno al bar, ma nessuno ci bada,
metto su i  roller, faccio un giro per la strada.

Bang, bang!


Spara quanto vuoi, non mi fai niente,
1, 2, 3 … il dolore non si sente.
Sparami in faccia: è il mio cosmetico,
anzi, sparami ancora … mi fa il solletico!

Jordan, tu non hai sparato!
Lisa è vendicata, ma non hai fatto niente!
C’eri lì con noi, ma non hai fatto niente!
Tu non hai sparato! Hai fatto … niente!!!
Tu ci hai giocato!
Cosa hai in mente?

 

2_04 L'uno dell'altro

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

L'uno dell'altro

Vedremo le terre,
leggeremo la storia,
ameremo la patria
l’uno dell’altro.

Al di là delle lingue,
al di là delle razze,
ameremo la fede
l’uno dell’altro.

L’uno dell’altro.

Vivremo speranze,
porteremo dolori,
ameremo il cammino
l’uno dell’altro.

Al di là del passato,
di ferite lontane,
costruiremo il futuro
l’uno dell’altro.

Io ci sto!
Tu ci stai?
Tu ci stai?
Io ci sto!
A giocarmi tutto,
a dare la mia vita
per te.

Io ci sto!
Tu ci stai?
Io ci sto
a dare la mia vita
perché sia così!

L’uno dell’altro.

 

2_05 Come un film

Testo: Valerio Ciprì, Valerio Gentile
Musica: Joseph Sopala, Benedikt Enderle

Come un film

Qualche anno fa
a Timbuctù o a Bogotà
ho fatto un sogno, un miraggio, chi lo sa?
Più ci penso più sento che
un giorno, sì, sì, un giorno si vedrà, si toccherà.
Sognavo che
dal nord al sud, dalla Tasmania al  west,
russi e cinesi, libanesi e sioux,
brasiliani, bulgari e bantù
ballavano, si ballava …questo rock’n roll dell'“unità”.

Come un film alla moviola
il mondo ritornava sui passi suoi.
Come un film alla moviola
il mondo ripartiva verso l’unità.

Vedevo
le barche alla deriva, riprendere la vela
e giungere alla riva.
Vedevo
i nostri orologi recuperare il tempo
perduto fino ad oggi.
Vedevo
tutta la natura più limpida, più pura
fare da scenario all’umanità.

Sognavo che …

Come un film alla moviola …

Vedevo …

Unità: il mondo è un caos se non ci sei!
Unità: il mondo è un Eden se tu ci sei!

Io credo che,
questo non è soltanto un sogno mio,
c'è in ogni uomo, nel suo DNA.
e tutto il mondo ha preso già l'avvio,
cammina, sì,
sì, cammina … ed arriverà all’unità.

 

2_06 Da che parte stai


Musica:

 

 

2_07 Vive!

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

Vive!

Vive.
Tutto il mondo canta alla vita.
C’è un Padre che dà
vita ad ogni cosa che esiste nell’universo.
Vive,
Dio Amore dona la vita,
Dio dell’immensità,
Dio che sta vicino ad ogni uomo.

Quando il vento increspa d’onde
lo specchio del mare
e il sole vibra nel blu,
ti sembra di vedere laggiù
scintille candide
che lievi si rincorrono
danzando con il vento in un rondò,
vestite di lamé,
sorvolano gli spazi senza età,
cantano di un mondo che

Vive


Guardo questo cielo grande
all’alba della città:
ogni giorno parla con me.
Mi dice che qualcuno lassù,
Padre di tutti noi,
distende le sue mani
per abbracciare gente di ogni età,
di tutte le tribù
e popoli di ogni civiltà,
anime di un mondo che

Vive

 

2_08 La vendetta


Musica:  Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

 

 

2_09 Perchè te ne vai?

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle

Perché te ne vai?

Perché te ne vai?
C’è l’oscurità
fra noi!
Come mai?
Come mai
tutto finisce qui?

Così, col vento
in un momento,
tu vai
ed io, cosa non farei
per averti ancora qui.

Perché te ne vai?
Ora il fiume va nel mare
e lì riposa.

 

2_10 Stella

Testo: Valerio Ciprì
Musica: Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle, Joseph Sopala

Stella

Oggi in cielo c’è una stella, stella vera
brilla in mezzo agli astri questa sera
e non si spegne più:
sei tu.

Cosa dice quel sorriso
che c’è ancora in te?
Cosa vuole dirci ancora
se ogni parola
tu l’hai detta già?

Sulla roccia la tua vita
per noi resterà,
parlerà a tanta gente
di ogni nazione d’ogni razza ed età.

Non più violenza:
l’amore vincerà.
La notte si spegne
e l’amore resterà.

Vola in pace dove nasce, nasce il sole
dove nasce il raggio dell’amore
che hai percorso tu.

Oggi in cielo c’è una stella, stella vera
brilla in mezzo agli astri questa sera
e non si spegne più:
sei tu.

 

2_11 Dai ci sei!

Testo: Valerio Ciprì , Joseph Sopala
Musica:
Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle, Joseph Sopala

Dai ci sei!

Tutto cambia, in una corsa frenetica;
tutto passa: il tempo non si ferma mai!
Mi hai lasciato in questa terra lunatica,
sei partito e non ti ho detto neanche un “ciao”!
Ma io so che tu sei qui,
la tua voce dentro me
brucia come il sole che si leva già:
Dai, ci sei! Dai, ci sei!
Dai, ci sei! Ce la fai, ce la fai!

E’ crollato un ponte dietro di me
io cammina sulla sponda tua ormai
e se cado, non importa perché
so che sei vicino e mi solleverai.
La tua gente ora è mia,
la tua strada, mia ormai.
E tu, sì, stai certo che la seguirò.
Dai, ci sei!

Una traccia nella notte hai lasciato tu,
una scia che non si cancellerà;
tu a me hai dato molto, molto di più:
una vita che per sempre resterà,
incredibile,
senza limite,
è la forza dell'amore dentro me!
Dai, ci sei! … Ci sarò!

 

2_12 Capolinea

Testo: Valerio Ciprì
Musica:
Juan Martin Etcheverry, Benedikt Enderle, Joseph Sopala

Capolinea

E vivrò, canterò sempre lo dirò:
questo viaggio non si ferma,
non si ferma al capolinea.
E vivrò, canterò, sempre lo dirò:
che l’amore non si ferma
non si ferma al capolinea.

Sarà un viaggio di difficoltà in salita
dissero a tutti noi.
Un conto in banca e tante credit cards
non ci servono.
E’ l’amore quello che
ci servirà di più.
Sarà il nostro passe-partout
che aprirà tutto l’infinito.

E vivrò, canterò sempre lo dirò:


In questo lungo viaggio non si va
mai da soli, mai da soli:
c’è un grande popolo che vive ormai
nell’amore.
E’ un popolo che già,
cammina  in unità
e tutto insieme arriverà,
aprirà tutto l’Infinito.

E vivrò, canterò sempre lo dirò:


Questo viaggio non si ferma …
E l’amore non si ferma …

Subscribe our newsletter!
Please wait

This website or its third party tools use cookies, which are necessary to its functioning and required to achieve the purposes illustrated in the cookie policy.
By using this website or closing this message, you are agreeing to our Cookies notice.